area urp
posta certificata
HOMEPAGE UFFICIO PER LE POLITICHE GIOVANILI

Do The Writing


Inward 300X247Il Ministro della Gioventù, insieme ad una serie di attori del mondo della creatività urbana, ha dato vita al progetto "Do The Writing!" volto a contrastare il vandalismo in città e a promuovere la corretta e legale espressione del writing,che aiuti a migliorare lo stato di degrado delle periferie e a valorizzare la creatività dei giovani. Il progetto, rimandando a "Do the right thing", indica quindi di "fare la cosa giusta", operando in modo rispettoso. Nel corso degli incontri in tante città italiane, le ACU hanno esposto
le proprie esperienze progettuali al cospetto degli amministratori locali ed hanno firmato un accordo per la partecipazione al Tavolotecnico sulla creatività urbana. Ad oggi, "Do The Writing!" è stato realizzato in Campania, Emilia Romagna, Toscana, Piemonte, Puglia, Liguria, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Sicilia, Lombardia, con le ACU Evoluzioni, Bereshit, 400ml, Thinks, Forme Urbane, Tinte Forti, Romagna in Fiore,
A3D, Artefacto, Monkeys Evolution, Il Cerchio e le Gocce, Style Orange, Kaleidos, Artefice,Duevventi, Ologram, Infart, Macross, Graphia,
ISA, Tribù dell'Indice, Xpression.

Scarica la brochure informativa  

COME E' NATA L'IDEA

Il 9 novembre 2008, in occasione delle celebrazioni per il XIX anno della caduta del Muro di Berlino, a Roma, nella centralissima piazza Mignanelli, fu organizzata una performance di writers. Su una gigantesca struttura cubica, creativi urbani romani e napoletani lavorarono l'intero giorno dipingendo le figure della Storia.

''Fu proprio una festa di giovani'' - sottolineò, a riguardo, il Ministro della Gioventù Giorgia Meloni, presente all'evento, spiegando che proprio il Muro ''è uno dei simboli che meglio hanno raccontato la voglia giovanile di libertà''. Quella performance fu anche l'occasione concreta per siglare una sorta di pace tra la politica ed i creativi urbani, dando inizio ad un dialogo tra i più proficui mai intrapresi.

Il Ministro intese all'istante il grande valore di quella parte del movimento dei graffiti che opera nella legalità e coraggiosamente diede inizio ad un deciso confronto con i protagonisti del fenomeno, avvicinandosi al tema. Interviste, servizi e progetti successivi sono stati indirizzati ad incontrare le parti che si trovavano, così, per la prima volta, a dialogare ad un altissimo livello.

Da queste azioni è emerso lentamente e progressivamente l'interessante fenomeno delle associazioni, siano esse culturali, onlus o di promozione sociale, che si occupano di writing e/o sono in massima parte costituite da writers, che hanno da subito manifestato il proprio interesse alle aperture del Ministro. Si delineava quindi la conseguente decisione di invitare all'annunciato Tavolo tecnico sul tema proprio tali associazioni, volendo rappresentare il massimo livello di organizzazione partecipativa giovanile, anche in tale ambito.

Il desiderio di queste associazioni è, da sempre, quello di poter dialogare con gli enti pubblici, oltre che con i privati, per realizzare progetti ampiamente detti di creatività urbana, un'espressione che ha trovato d'accordo Ministro e associazioni nello smarcamento dal vandalismo in città. Writing, street art, graffitismo, muralismo, urban design: se praticati in maniera legale e migliorativa, possono essere detti creatività urbana. Pertanto le associazioni suddette - già esistenti o neonate - hanno iniziato ad appellarsi ACU (acronimo di Associazioni per la Creatività Urbana). Si può dunque affermare che le ACU sono associazioni fatte soprattutto da creativi urbani che fanno soprattutto creatività urbana, basata, per sua stessa costituzione, su principi di legalità.

Per far emergere questo fermento associativo di settore unico nel suo genere in tutto il mondo, si è ideato un format itinerante chiamato "Do The Writing!". Il titolo è programmatico, volendo sì incitare a "fare writing" ma, rimandando per suono a "Do the right thing", vuole indicare anche di "fare la cosa giusta"; quindi sì al writing, ma in maniera coscienziosa e rispettosa. In un'espressione, come inteso sopra, fare "creatività urbana".

C'è stata quindi la chiamata per singola regione in appositi eventi di tutte le ACU, le quali, dopo aver esposto al cospetto degli amministratori locali i rispettivi curricula progettuali, hanno firmato un protocollo d'intesa per collaborazioni future e la manifestazione d'interesse in previsione del Tavolo tecnico sulla creatività urbana.

Ciò che è emerso da Do The Writing! è la rete di 24 ACU interessate a progettare con gli enti pubblici, anche per via della maturità della massima parte dei creativi urbani che le compongono, auspicando, a medio-lungo termine, che le prossime generazioni di writers possano nascere direttamente all'interno delle ACU stesse. È un network unico al mondo, coordinato in poco meno di due anni, solo all'inizio di un immenso lavoro.

Due grandi pannelli del cubo di piazza Mignanelli sono tuttora installati all'ingresso dell'ufficio del Ministro.

 

(Qui di seguito il calendario del format itinerante Do The Writing!)

 

Dal 5 marzo 2019 c'è un nuovo sito dedicato alle politiche giovanili del Dipartimento per le Politiche giovanili e il Servizio civile universale, completamente rivisitato in termini di progettazione, architettura, grafica, linguaggio e contenuti.

 

Il nuovo sito è online all'indirizzo www.politichegiovanili.gov.it a cui verrete reindirizzati tra 30 secondi.

 

Il vecchio sito www.gioventu.gov.it resterà comunque attivo, seppur non aggiornato, per il tempo necessario al trasferimento completo di tutti i contenuti sul nuovo dominio.

 

Dal 5 marzo 2019 c'è un nuovo sito dedicato alle politiche giovanili del Dipartimento per le Politiche giovanili e il Servizio civile universale, completamente rivisitato in termini di progettazione, architettura, grafica, linguaggio e contenuti.

 

Il nuovo sito è online all'indirizzo www.politichegiovanili.gov.it

 

Il vecchio sito www.gioventu.gov.it resterà comunque attivo, seppur non aggiornato, per il tempo necessario al trasferimento completo di tutti i contenuti sul nuovo dominio.